Validi il:
Diffusi il: 11.11.2022

Questi consigli di viaggio sono stati riveduti: si sconsigliano i viaggi turistici e tutti gli altri viaggi non urgenti a destinazione dell’Iran.


Consigli di viaggio - Iran

I consigli di viaggio poggiano su un'analisi della situazione attuale effettuata dal DFAE. Sono permanentemente controllati e se necessario aggiornati.

Si prega inoltre di leggere anche le Raccomandazioni generali per tutti i viaggi e la rubrica Focus, qui sotto, che sono parte integrante dei presenti Consigli di viaggio.

Informazioni in evidenza: coronavirus (COVID-19)

In tutte le regioni del mondo c’è un rischio di infezione da coronavirus.

Per limitare la diffusione del coronavirus (Covid-19), i Paesi possono imporre restrizioni d’entrata e d’uscita nonché misure all'interno del Paese. Queste direttive possono cambiare con breve preavviso. I viaggi all’estero richiedono quindi una preparazione accurata e molta flessibilità.

Prestare attenzione alle informazioni e raccomandazioni nel focus «Coronavirus (COVID-19)» e dell’Ufficio federale della sanità pubblica UFSP.
Focus Coronavirus (COVID-19)
UFSP: Coronavirus

Attualità

Si sconsigliano i viaggi turistici e tutti gli altri viaggi non urgenti a destinazione dell’Iran. Vedi capitolo «Valutazione sommaria».

Coronavirus (COVID-19)

Prestare attenzione alle informazioni et raccomandazioni nel focus «coronavirus (COVID-19)» e dell’Ufficio federale della sanità pubblica UFSP.
Focus «Coronavirus»

UFSP: Coronavirus

Per limitare la diffusione del coronavirus (COVID-19), numerosi paesi impongono restrizioni d'entrata e d'uscita nonché limitazioni di viaggio all'interno del paese. Le norme cambiano continuamente.

Per conoscere le direttive attualmente in vigore in Iran, si prega di prestare attenzione alle informazioni fornite dalle autorità iraniane competenti e di contattare l'Ambasciata dell’Iran a Berna per qualsiasi domanda.
Government of the Islamic Republic of Iran

Ambasciata dell’Iran

Informazioni sui collegamenti di trasporto possono essere ottenute presso le aziende responsabili e le agenzie di viaggio.

Prestare anche attenzione alle informazioni e alle raccomandazioni che seguono.

Valutazione sommaria

Si sconsigliano i viaggi turistici e tutti gli altri viaggi non urgenti a destinazione dell’Iran.

A chi deve imperativamente mettersi in viaggio per l’Iran, si raccomanda di prestare anche attenzione alle informazioni e alle raccomandazioni che seguono.

Il numero degli arresti di turiste e turisti stranieri è aumentato notevolmente. In molti casi le autorità iraniane non hanno informato le ambasciate straniere sugli arresti e neppure dato informazioni sui capi d’accusa e il luogo di detenzione. Questo rischio sussiste anche per le persone di cittadinanza svizzera.

Dalla metà di settembre 2022 si verificano proteste contro il governo in numerose città. Durante tumulti e scontri violenti tra forze di sicurezza e dimostranti, numerose persone sono state uccise o ferite. Talvolta vengono usati anche proiettili veri.

L'accesso a Internet e ai collegamenti telefonici viene a volte interrotto. Questo vale anche per servizi come WhatsApp, Instagram e VPN.

La difficile situazione economica e delle tensioni latenti conducono periodicamente a manifestazioni, per esempio a causa di aumenti di prezzi, di richieste politiche o nelle giornate di festa locali (religiose) e di commemorazione. Occorre considerare l’eventualità di tumulti gravi e scontri violenti tra le forze di sicurezza e dimostranti come pure di blocchi stradali.

Il rischio di attentati esiste in tutto il Paese. Esempi: nell’ottobre del 2022 diverse persone sono state uccise o ferite durante un attentato contro il santuario Shah Cheragh a Shiraz. Nell’aprile del 2022 sono stati compiuti attentati nei confronti di chierici nelle moschee di Mashhad (provincia di Khorasan) e di Gonbad Kavus (provincia di Golestan). Nelle province di confine orientale e occidentale, le forze di sicurezza sono regolarmente bersaglio di scontri armati e attentati. Prestare anche attenzione alla rubrica
Terrorismo e sequestri

Occorre prestare attenzione ai delicati equilibri nella regione. Determinati avvenimenti e conflitti nei Paesi vicini possono ripercuotersi sulla situazione di sicurezza in Iran.

Le leggi iraniane sono profondamente diverse da quelle dell’ordinamento giuridico svizzero. Soprattutto nei casi di sospetto spionaggio o di ingerenza negli affari politici, i presunti reati sono perseguiti sistematicamente e puniti con pene molto più severe che in Svizzera. Vedi il capitolo «disposizioni giuridiche specifiche».

A chi deve imperativamente mettersi in viaggio per l’Iran, si raccomanda di informarsi tramite i media e una persona di contatto locale sull’evoluzione della situazione. Evitare i raduni di massa e le manifestazioni di qualsiasi tipo. In generale, è consigliato di rimanere vigili e discreti e di seguire le istruzioni delle autorità locali.

Pericoli locali specifici

Per quanto riguarda la descrizione delle zone a rischio, le indicazioni fornite sono approssimative; i pericoli non possono essere circoscritti esattamente a una precisa regione.

Zona di confine con l’Iraq: vi sono ancora numerosi campi minati (di norma zone inaccessibili). La situazione instabile e i conflitti in Iraq provocano delle tensioni nelle regioni frontaliere. Sporadicamente avvengono delle sparatorie tra gruppi di ribelli, bande criminali e le forze dell’ordine. Soprattutto nelle zone rurali, non si può escludere il rischio di sequestri. I viaggi nelle zone situate al confine tra Iran e Iraq sono sconsigliati.

Regione di confine con la Turchia (Türkiye): in quest’area possono occasionalmente verificarsi scontri armati tra gruppi di militanti e le forze di sicurezza iraniane. Anche le persone estranee ai combattimenti corrono il rischio di trovarsi improvvisamente in mezzo a uno scontro a fuoco. Prima di recarsi per motivi urgenti nella regione di confine tra l’Iran e la Turchia, informarsi presso le autorità locali sulle condizioni di sicurezza attuali e agire con la massima prudenza.

Confine Iran-Armenia-Azerbaigian: occasionalmente le tensioni del conflitto sul confine tra Armenia e Azerbaigian hanno ripercussioni sulla situazione della sicurezza nella zona di confine iraniana. Prima di recarsi per motivi urgenti nella regione di confine tra Iran, Armenia e Azerbaigian, informarsi presso le autorità locali sulle attuali condizioni di sicurezza e procedere con la massima cautela.

Confine con l’Afghanistan, parte orientale della provincia di Kerman e provincia del Sistan-Baluchestan: queste regioni sono parzialmente sotto l'influenza di organizzazioni di narcotrafficanti e di gruppi estremisti. Questi commettono regolarmente degli attentati e a volte piazzano delle mine sulle strade nazionali. Scontri armati con le forze di sicurezza possono verificarsi in qualsiasi momento Il rischio di sequestri non può essere escluso nemmeno per le persone straniere. Si sconsiglia di compiere viaggi nella zona di confine con l’Afghanistan, nelle regioni situate tra la città di Kerman e il confine pakistano e nella provincia del Sistan-Baluchestan.

Criminalità

Gli atti di criminalità violenta sono relativamente rari. Tuttavia, esiste la micro-criminalità, p. es. borseggi, scippi, effrazioni. Sono stati segnalati anche reati a sfondo sessuale. Può succedere che criminali si spaccino per agenti di polizia in abito borghese. Si raccomanda di mostrarsi vigili e d’osservare le seguenti misure precauzionali:

  • depositare gli oggetti di valore e i documenti nella cassaforte dell'albergo, provvedendo tuttavia a portare sempre con sé una copia del passaporto e del foglio separato con il visto.
  • spostarsi se possibile con taxi dell'albergo o con taxi riservati presso una centrale taxi.
  • non cambiare il denaro in strada. È illegale ed esiste il rischio di essere truffati. Il denaro può essere cambiato negli aeroporti, nelle banche o negli hotel.

Trasporti e infrastrutture

Il comportamento a volte imprevedibili sulle strade e la carente manutenzione dei mezzi di trasporto (fari, freni, pneumatici) costituiscono un rischio d'incidenti. Gli autocarri viaggiano soprattutto di notte e spesso senza illuminazione. Per spostamenti con una vettura privata, si raccomanda di non guidare direttamente, bensì di noleggiare un veicolo con autista. Le condizioni stradali e di circolazione non si prestano per le gite in bicicletta. Si sconsiglia di compiere viaggi all'interno del Paese durante la notte.

I viaggi nel deserto dovrebbero essere effettuati soltanto in gruppi organizzati con più fuoristrada e con l'accompagnamento di una guida locale. È assolutamente indispensabile procurarsi un apparecchio di navigazione, nonché sufficienti scorte di acqua, cibo, carburante e pezzi di ricambio.

Può capitare che i valichi di frontiera vengano chiusi senza preavviso, per esempio per evitare la diffusione di malattie. La chiusura delle frontiere può durare diversi mesi. Si raccomanda di informarsi dalle autorità locali o direttamente ai posti di frontiera.

Spesso la sicurezza degli aerei per i voli interni non soddisfa gli standard europei, risp. internazionali.

Capita che l'accesso a Internet e ai collegamenti telefonici temporaneamente non sia garantito.

Disposizioni giuridiche specifiche

La legislazione si fonda su un’interpretazione giuridica rigorosa dell’Islam e su una morale rigida. Le infrazioni sono perseguite sistematicamente e punite con pene molto più severe che in Svizzera. Sono punibili tra gli altri i seguenti reati:

  • l’importazione, il possesso, il commercio e la consumazione di bevande alcoliche
  • pernottamenti in alloggi privati che vengono prenotati su internet (p. es. Couchsurfing)
  • rapporti omosessuali, extramatrimoniali e le gravidanze extraconiugali. Le gravidanze e le nascite illegittime possono avere come conseguenza procedimenti civili e penali.
  • infrazione alla morale pubblica, violazione delle regole di vestiario
  • osservazioni sprezzanti sull'Islam, sul clero o sui simboli religiosi (anche nelle reti sociali)
  • dichiarazioni e azioni che possono essere interpretate come un’ingerenza negli affari politici, p. es. partecipazione a manifestazioni o contatti con organizzazioni politiche
  • le attività missionarie. Possono eventualmente essere punite con diversi anni di carcere come reati contro la sicurezza dello Stato o altri reati
  • l’attraversamento delle frontiere senza essere muniti di visto, per via marittima o terrestre. È considerato reato e/o spionaggio e può essere comminata una pena detentiva di più anni, anche se non si ha agito intenzionalmente

Determinate azioni sono esplicitamente vietate o possono essere considerate come spionaggio e punite con lunghe pene detentive. Ne sono un esempio:

  • fotografare (anche con droni) forze di sicurezza, installazioni e veicoli militari e della polizia, dimostrazioni nonché edifici pubblici (aeroporti, porti, ponti, ambasciate, centrali nucleari ecc.). Non è sempre chiaro cosa rientri in queste categorie. Nel dubbio chiedere il permesso alle forze di sicurezza locali, chiedere alla guida turistica oppure rinunciare a fotografare.
  • la raccolta di sabbia, pietre, piante ecc.
  • il campeggio selvaggio. Si raccomanda di seguire i consigli della propria guida turistica o di chiedere alla popolazione locale. Ciò vale anche nelle zone più remote del Paese.

Per molti prodotti esistono delle restrizioni in merito alle importazioni oppure dei divieti d’importazione. Osservare le informazioni delle autorità iraniane:
Customs Administration > Traveler Information

Le/i conducenti di autoveicoli coinvolti/e in un incidente stradale con vittime o morti, possono essere trattenute/i sino al chiarimento della colpevolezza. In caso di dubbio, durante le indagini, le persone di cittadinanza straniera non possono lasciare il territorio iraniano. Anche nelle controversie di natura finanziaria, la polizia può eventualmente impedire a persone straniere di lasciare il Paese fino alla chiusura della pratica.

Le infrazioni alla legge sugli stupefacenti sono punite con lunghe pene detentive anche quando si tratta di piccole quantità e indipendentemente dal tipo di droga.

Per i gravi reati di droga, omicidi, rapine a mano armata, gravi reati finanziari e altri delitti può essere inflitta la pena capitale. Le condizioni di detenzione sono estremamente difficili (carenza di igiene, difficoltà linguistiche ecc.).

In caso di arresto, le autorità dell’Iran non sempre permettono alla Svizzera di concedere la protezione consolare.

L'Iran non riconosce la doppia cittadinanza, il che può implicare le seguenti conseguenze per le persone di cittadinanza svizzera-iraniana:

  • Le autorità iraniane considerano le persone con doppia cittadinanza svizzero-iraniano esclusivamente come persone di cittadinanza iraniane.
  • Le persone con doppia cittadinanza svizzera-iraniana sono tenute ad entrare e uscire dal Paese con un documento iraniano. Il matrimonio e la nascita di figli devono inoltre assolutamente figurare sul proprio «shenasnameh» (certificato di nascita) iraniano. In caso di infrazioni a queste disposizioni di legge iraniane, si rischia di incorrere in gravi problemi al momento dell'attraversamento della frontiera (sia per strada che per via aerea).
  • Le possibilità della Svizzera prestare assistenza alle persone con doppia cittadinanza svizzera-iraniana che hanno problemi con le autorità iraniane sono limitate o addirittura nulle.

Particolarità culturali

L'Iran è un Paese musulmano conservatore. Si raccomanda di adattare l'abbigliamento e il comportamento alle usanze locali e alla sensibilità religiosa e nazionale. Le donne devono rispettare un codice di comportamento molto severo la cui inosservanza può causare problemi con la polizia e portare alla detenzione. Si sconsiglia di fotografare le persone senza il loro consenso. Informarsi nelle guide turistiche, presso la propria agenzia di viaggi o sul posto in merito alle regole comportamentali e alle esatte disposizioni da rispettare. Si deve considerare che durante il Ramadan vigono regole e prescrizioni particolari.

In caso di matrimonio fra persone straniere e persone di cittadinanza iraniana vanno osservate le usanze e leggi islamiche. Ad esempio, il marito ha il diritto, in casi estremi, di impedire alla moglie e ai figli - indipendentemente dalla loro cittadinanza - di lasciare il Paese.

Pericoli naturali

L'Iran si trova in una zona sismicamente attiva.

Il Paese è caratterizzato da zone con condizioni geologiche e climatiche in parte estreme dove le condizioni atmosferiche possono cambiare rapidamente. A chi intendesse intraprendere gite o percorsi trekking, si raccomanda di farsi accompagnare da guide qualificate ed esperte del luogo. In alta montagna, i sintomi di malori dovuti all'altitudine non vanno sottovalutati.

In primavera e in estate, forti piogge possono causare allagamenti, frane e danni alle infrastrutture. Il rischio esiste in tutto il Paese. Si raccomanda di prestare attenzione alle previsioni meteorologiche, nonché agli avvisi e alle direttive delle autorità locali.
Iran Meteorological Organisation

Se durante il soggiorno dovesse verificarsi una catastrofe naturale, si raccomanda di mettersi immediatamente in contatto con i propri famigliari e di seguire le direttive delle autorità locali. Qualora il collegamento con l'estero fosse interrotto, si raccomanda di mettersi in contatto con l'ambasciata di Svizzera a Teheran.

Assistenza medica

A Teheran l’assistenza medica è normalmente buona. Tuttavia, in tutto il Paese potrebbero verificarsi interruzioni dell’approvvigionamento di determinati farmaci ed altri prodotti medici. Al di fuori di Teheran l'assistenza medica è in generale limitata. Può rivelarsi utile recare con sé materiale di medicazione e siringhe monouso. Gli ospedali richiedono una garanzia finanziaria o un pagamento anticipato in contanti prima di cominciare una cura.

In caso di malattia e ferite serie è consigliato il rientro in Svizzera.

Se si necessita di particolari farmaci, occorre prevederne una scorta sufficiente. Va ricordato tuttavia che in molti Paesi vigono prescrizioni particolari per portare con sé medicinali contenenti sostanze stupefacenti (ad esempio il metadone) e sostanze per la cura di malattie psichiche. Si consiglia di informarsi eventualmente prima del viaggio direttamente presso la rappresentanza estera competente (ambasciata o consolato) e di consultare la rubrica Link per il viaggio, dove figurano ulteriori informazioni su questo argomento e in generale sul tema viaggi e salute. Il personale medico e i centri di vaccinazione informano in merito al diffondersi di malattie e alle possibili misure di protezione.

Consigli specifici

Nel Paese come anche nelle acque iraniane del Golfo persico e sullo stretto di Hormuz esistono varie zone di esclusione militare. Talvolta non sono contrassegnate. In caso di dubbi informarsi presso le autorità locali e/o la popolazione. Chi deliberatamente o involontariamente penetra in una zona proibita deve attendersi un arresto con l’accusa di spionaggio.

In Iran le carte di credito e gli assegni turistici non sono accettati. I versamenti di denaro non sono possibili. Si raccomanda pertanto di portare denaro in contanti a sufficienza, preferibilmente dollari USA, in nuovi biglietti stampati dopo il 1999, Euro o franchi svizzeri.

Occorre informarsi per tempo presso l'Ambasciata dell’Iran a Berna in merito alle condizioni di entrata e di notifica di persone e veicoli, in merito alle normative di importazione e esportazione di denaro contante e in merito alle regioni non accessibili.
Ambasciata dell’Iran

Indirizzi utili

Rappresentanze svizzere all'estero: in caso di emergenza all'estero, è possibile rivolgersi alla rappresentanza svizzera più vicina o alla Helpline DFAE.
Ambasciata di Svizzera a Teheran
Helpline DFAE

Rappresentanze estere in Svizzera: per ottenere informazioni in merito all'entrata nel Paese (documenti autorizzati, visti, ecc.) occorre rivolgersi all'ambasciata o al consolato competente. Quest'ultimi danno inoltre ragguagli sulle prescrizioni doganali per l'importazione o l'esportazione di animali o di merci: apparecchi elettronici, souvenir, medicamenti, ecc.
Rappresentanze estere in Svizzera

e-visa

Clausola di esclusione della responsabilità
I Consigli di viaggio del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) poggiano su fonti d'informazione proprie, reputate degne di fede. I Consigli di viaggio sono utili indicazioni ausiliarie per programmare un viaggio. Il DFAE non si assume tuttavia la responsabilità né della pianificazione né dello svolgimento del viaggio.
Le situazioni di pericolo sono spesso imprevedibili e confuse e possono mutare rapidamente. Il DFAE non garantisce la completezza dei consigli di viaggio e la correttezza delle informazioni riportate nelle pagine esterne collegate al sito. Declina ogni responsabilità per eventuali danni legati a un viaggio. Le pretese derivanti dall’annullamento di un viaggio vanno avanzate direttamente all’agenzia di viaggio o alla compagnia presso la quale si è stipulata l’assicurazione di viaggio.